EMICRANIE 

Mi sono rivolto ad un chiropratico perché accusavo da diversi anni dolori al collo. Non saprei dire in concomitanza di cosa sia iniziato il problema, ma ricordo bene che mi portava difficoltà di concentrazione, disturbi alla vista, mal di testa con emicranie frequenti, difficoltà a prendere sonno e intontimento. L’unico rimedio a cui ero ricorso era quello farmacologico all’occorrenza, ma con scarsi e limitati risultati.

Quando sono andato dal chiropratico la prima volta, il Dottore mi ha fatto un esame approfondito a cui ha fatto seguito il primo aggiustamento (non doloroso).

Ho riscontrato rapidamente miglioramenti a livello del collo, del riposo, assenza di emicranie, lieve miglioramento della vista con conseguente aumento della qualità della vita e una rinnovata energia. E’ migliorata anche la digestione, limitando il consumo di latticini. Ora riesco anche a dormire meglio per tutta al notte e sono sempre pronto e concentrato.

Ho conosciuto in questa occasione questa pratica, rimanendone soddisfatto; non mi ero mai rivolto prima alla chiropratica perché non la conoscevo.

Con la chiropratica è migliorata la qualità della mia vita, attenuando notevolmente i miei disturbi e la consiglierei a chiunque anche in assenza di sintomi particolari, per il beneficio che riesce ad apportare all’individuo sia sul piano fisico che psichico.

 

                                                                                                                         Bocchiola Roberto

                                                                                                         Villanova d’Asti, 26/01/2004

 

   Sono ormai molti anni che soffro di emicranie legate a problemi di digestione e artrosi cervicale. In ultimo, il mal di testa era diventato quasi quotidiano e insopportabile e anche il mio lavoro ne aveva risentito, oltre, naturalmente, la vita di ogni giorno.

   Ho fatto esami, cure, trazioni e manipolazioni, ma mai avevo provato la chiropratica.  Di questa scienza, e penso sia corretto definirla cosi, ne sono venuta a conoscenza in piscina; un ambiente sportivo dove si presume che i classici dolori non debbano esistere, ma ho anche scoperto che la chiropratica non può guarire solo gli stiramenti, gli strappi e le slogature.  Con grande sorpresa ho scoperto quanto può fare, anzi, quanto ha o meglio dire, quanto Lei ha potuto fare per me.

   Con Lei ho individuato le primarie cause del mio mal di testa; non solo l’artrosi cervicale della quale ero già a conoscenza, ma anche di un’altra causa scatenante dovuta si alla cattiva digestione, ma dovuta ad una causa primaria insospettata fino ad ora: una vecchia frattura alle costole, con relativi problemi alla colonna vertebrale, proprio nel punto in cui il midollo controlla le parti nervose della digestione. Mai nessuno lo aveva scoperto, mai nessuno pertanto, mi aveva perciò curata.

   Lo so che Lei non è un santo, ma bensì un attento quanto mai preparato Dottore che conosce a fondo il nostro scheletro e pertanto ne può vedere ogni qual piccola anomalia, ma il mio stupore è stato grande nello scoprire quanto con la semplice pressione delle sue dita, Lei abbia potuto -  ove cortisoni e mille altri veleni sotto aspetto di pastiglie o punture dei quali ho abusato- non abbiano fatto in decine di anni a questa parte. So a priori che anche la sua cura non in tutti i casi può essere definitiva, o forse sì, ma anche se può sembrare irrisorio stare due, tre giorni senza dolori cervicali, senza mal di testa è già per me una vittoria.

   Grazie da parte mia e da parte di tutte quelle persone che dopo aver conosciuto la chiropratica non soffrono più e ciò, senza assumere alcun medicinale.

   Con piacere farò conoscere la chiropratica sperando di farLe cosa gradita, ma più ancora per aiutare chi soffre.

 

                                                                                                                           Margherita Cabrio