DOLORE ALLA SPALLA 

   Salve, mi chiamo Elena.

   Mi sono recata dal chiropratico perché soffrivo di cervicalgia. Ho iniziato ad avere questi problemi da un po’ di anni – tre-quattro circa-; avevo sempre la testa confusa, ero nervosa, stanca e non riposavo bene di notte, sempre col mal di testa, alle spalle e alle gambe.

   Ho fatto tante visite ortopediche, raggi, tac, ecc. Tante cure, ma niente. Ero più in mutua che al lavoro, ma nessun trattamento ha fatto effetto. Alla fine, sono arrivata al punto di non poter neanche alzarmi dal letto perché non avevo più le forze ed ero molto spaventata, perché non sapevo più da chi andare, poi ho sentito del chiropratico. Non sapevo tanto bene cosa facesse, perché era la prima volta che ne sentivo parlare. Ho preso appuntamento. Certo, ero diffidente, però speravo che questa persona mi potesse aiutare.

  A saperlo, sarei andata subito da lui, risparmiando tanti dolori fisici e psichici. Ho fatto la scelta giusta! Ricorderò per tutta la vita il primo aggiustamento. Sono uscita dal dottore e, mentre tornavo a casa, sentivo come mi liberavo dal dolore e mi veniva da ridere. La mia testa si liberava e sembrava di volare. Si, una bella sensazione.

   Adesso sono una persona energica, e tranquilla. Vedo le cose in un altro modo, sto bene e faccio tante camminate.

   Non so se riesco a far capire a parole come sto bene! Sono molto molto contenta di aver scelto di andare dal chiropratico. Mi ha cambiato la vita e lo ringrazio!!

Sono venuta un anno fa dal chiropratico a fare una visita su consiglio della fisioterapista e di mia figlia, per la mascella fuori posto. La prima visita si è basata sulla speranza e fiducia; la mia mascella è andata a posto senza prendere medicine e senza dolore e a questo primo aggiustamento ne sono seguiti altri.

Durante la prima visita il chiropratico si è accorto che il mio corpo era pieno di dolori, soprattutto alla gamba sinistra, la zona lombare, cervicale, la spalla destra, mani e piedi ai quali avevo un perenne formicolio.

Convivo con questi dolori da vent’anni, dovuti per lo più ad una caduta dalla scala. Un vero calvario di visite ortopediche, fisiatri, fisioterapia, infiltrazioni, punture antidolorifiche, tanti antinfiammatori, cortisone, plantare ortopedico per molti anni e anche una gastrite cronica.

Da quando vengo a fare gli aggiustamenti dal chiropratico mi sento meglio, ho iniziato a non sentirmi più stanca, mi sento leggera, rilassata e felice di dormire dalle cinque alle sei ore senza svegliarmi una sola volta per dolori. Ho smesso di prendere medicine dalla prima seduta e la mia gastrite è migliorata tantissimo.Ora posso fare molte più cose, tipo salire le scale senza sostenermi, lavorare senza un continuo dolore, portarmi le buste della spesa e fare lunghe passeggiate.

Avessi ascoltato il consiglio di mia figlia tempo prima, avrei risparmiato di soffrire di tanti dolori per anni e di prendere tanti antinfiammatori.

Vorrei dare un consiglio a tutte le persone che soffrono di questi e di altri disturbi: di fare una visita dal chiropratico perché sono sicura che si recuperano tanti anni di salute e se avete dei bimbi portate anche loro, un giorno vi ringrazieranno.

 

                                                                                         Gina

Settimo T.se, 25/05/ 04

 

   Mi sono recata dal chiropratico, perché avevo male alla spalla sinistra da circa un mese: non volevo prendere dei medicinali.

   Parlando con degli amici mi hanno detto di rivolgermi, se credevo, dal chiropratico infatti, loro per diversi problemi si erano rivolti a lui. Piano piano, con alcune sedute, ho cominciato ad avere benefici: mal di testa, malesseri di schiena, collo rigido e male alla spalla, sempre più rari fino, alcune volte, quindici giorni senza problemi.

   Non sono mai andata da un chiropratico prima, ma perché ignoravo questa terapia, anche se oggi c’è tanta informazione, ma tante volte si viene a conoscenza per mezzo di chi ha provato prima.

   Il benessere che sto provando certamente incide sul mio organismo; ho più energia nello svolgere le mansioni di impiegata e di casalinga e l’umore di conseguenza è buono.

   Certamente raccomanderei una visita chiropratica preventiva in assenza di sintomi. 

   Tanti cari saluti e ringraziamenti,

 

                                                                                        Lombardo Carmela

Mi chiamo Maria, ho 41 anni e desidero raccontare la mia esperienza con la chiropratica.

Prima del gennaio 2012 non sapevo cos’era la chiropratica: fu consigliata a mia cognata da un’amica, perché erano molti mesi che aveva dolori forti alla schiena, causati da un’ernia espulsa. Aveva fatto una lunghissima cura con punture e cortisone ma i dolori non andavano via; continuava a stare molto male, era costretta a letto e doveva recarsi spesso al Pronto Soccorso dove i medici, non sapendo più cosa darle per alleviare il dolore, decisero per la morfina ed è andata avanti così per molto tempo, poi, grazie alla chiropratica, non ha fatto più uso di medicine e adesso sta bene.

Io ho deciso di rivolgermi alla chiropratica perché non sapevo più da chi farmi aiutare. Nell’ultimo anno, il mio stato di salute generale è peggiorato; mi sono recata due volte al Pronto Soccorso dove, dopo avermi fatto tutti i controlli, mi hanno dimessa dicendo che era tutto a posto. No, il mio corpo non era a posto, continuavo a stare male e non capivo il perché avevo bisogno di aiuto, cosi, il giorno 16 novembre 2013 ho fatto la prima visita dal Dottor Cecchi. Ho spiegato al dottore i motivi che mi avevano portata da lui. Mi ha visitata e mi ha spiegato che quando le vertebre e i dischi sono mal posizionati è presente una sublussazione vertebrale che ha effetti devastanti sul nostro corpo, compromette il funzionamento di organi e può causare irritazione del sistema nervoso.

Durante la visita col Dottor Cecchi ho scoperto di avere una colonna vertebrale con delle curvature che sono state confermate dall’esame radiografico effettuato su richiesta del chiropratico. La settimana successiva ho iniziato gli aggiustamenti sulla colonna vertebrale. Prima di iniziare non sapevo cosa realmente mi aspettava ma, credetemi, la mia vita ha iniziato a cambiare, io sto cambiando. Questo mio benessere fisico e psichico ha migliorato la mia vita quotidiana.

I sintomi che avevo prima degli aggiustamenti erano tanti, ma io ne elenco solo alcuni: dolore costante sulla fascia lombare, dolore e pesantezza al collo e alle spalle, negli ultimi mesi mi alzavo al mattino molto stanca, non riuscivo più a controllare la mia respirazione, dormivo con i cerotti nasali. Questi sintomi mi accompagnavano tutto il giorno e mi procuravano nervosismo, malumore e ansia.  La chiropratica mi ha migliorato la digestione, sono scomparsi i sintomi premestruali e mestruali che mi costringevano a stare a letto e a fare uso di farmaci. Grazie ad essa ho raggiunto una serenità e un equilibrio di cui sta beneficiando anche la mia famiglia.

Sono molto contenta e mi ritengo fortunata di aver conosciuto la chiropratica. Sono convinta che senza il suo aiuto sarei peggiorata e avrei continuato a fare visite mediche specialistiche, senza mai capire cosa mi provocava quei dolori e quel malessere.

Consiglio a tutti di fare una visita preventiva dal chiropratico. Anche se non si hanno sintomi, la chiropratica può migliorare la vita e ce la migliora in modo naturale senza uso di farmaci.

   Ciao, ho 53 anni,

   Non sono mai stato capace di star fermo ed è per questo che, fin da ragazzino trascorro il mio tempo libero dedicandolo allo sport.

   Corsa, sci di discesa, sci di fondo e ciclismo sono stati alla base dei miei allenamenti finalizzati a scaricare le tensioni accumulate quotidianamente, ma soprattutto e naturalmente come preparazione alle competizioni della domenica.

   Da giovane non davo retta a piccoli e fastidiosi dolori, anche perché passavano in fretta, ma a 45 anni sono stato costretto a ridurre notevolmente il volume di “lavoro fisico”.  Sto veramente diventando vecchio? Fu la prima domanda che mi posi.

   Cercai di rimediare ricorrendo a massaggiatori, pomate, unguenti, farmaci antinfiammatori che al farmacista hanno fatto sicuramente bene, ma a me han lasciato solo mal di stomaco e delusione.

   Abbandonato lo sci di discesa ed il ciclismo, a 47 anni ho incontrato un altro sport, credendo assurdamente che fosse meno faticoso: il tiro con l’arco!  Questo tipo di attività, per chi non la conosce, coinvolge tutta la muscolatura della schiena per lo sforzo destinato all’attrezzo; le gambe, il dorso e gli addominali per ciò che riguarda l’equilibrio e la corretta postura durante l’azione (per ogni freccia tirata si sopporta un carico pari a 18-20 Kg).

   I dolori alla schiena, collo e spalle non cessavano più. L’umore ed il benessere generale ne risentirono: il nervosismo prese il posto della serenità, sul lavoro non rendevo come prima, per non parlare poi dei risultati sportivi.

   Lessi per caso ‘qualcosa’ sulla chiropratica e, parlando dei miei problemi con chi aveva già ricevuto beneficio da essa, decisi di rivolgermi anch’io ad un chiropratico.

   L’esame preventivo e le radiografie eseguite confermarono i miei problemi alla colonna ed il dottore ne diagnosticò la provenienza e la loro causa. Decisi quindi di affrontare con serietà la prima serie di aggiustamenti propostami.  Già dopo il terzo-quarto aggiustamento, i dolori sparirono, ma l’entusiasmo maggiore derivò dal fatto che anche “maltrattando” nuovamente il mio organismo con gli sport praticati, essi non comparivano più.   SENZA FARMACI ! !

   L’entusiasmo ed il benessere sono ritornati del tutto ed i risultati sportivi… anche! E alla grande!

   Oggi, a distanza di due anni dal primo incontro, continuo gli aggiustamenti regolarmente. Non solo la mia schiena è “migliorata”, ma tutto il mio benessere generale ne ha positivamente risentito.

   Grazie chiropratica, grazie Andrea!

   Se qualcuno mi chiedesse cosa può fare la chiropratica, sarei tentato di rispondere <<tutto>>, ma mi fermo ad un <<TANTISSIMO>> e sono sicuro di non esagerare.

   Poco tempo fa un collega di lavoro mi ha confidato di essere diventato svogliato e di sentirsi in generale un po’ ‘pesante’. Io gli chiesi se accusava qualche dolore o malessere particolare. Alla sua risposta negativa gli risposi convinto: VAI DAL CHIROPRATICO!

                                                                                            Firmato  un 53enne felice

                                                                                                                Roberto Tesio