DISTURBI INTESTINALI 

Sono Patrizia ho 46 anni e soffro di mal di schiena da circa 10 anni, conseguenza di una rovinosa caduta dallo snow board avvenuta circa 10-12 anni fa. La mia attività professionale sedentaria, impegnativa e stressante ha fatto il resto, peggiorando nel corso degli anni la situazione.

Le ho provate tutte (ginnastica correttiva, agopuntura, Tens, etc.),  con risultati a volte poco apprezzabili sin dall’inizio, altre volte con qualche miglioramento, poi svanito dopo qualche mese.

I picchi del dolore si manifestano, naturalmente, durante la stagione invernale, quando il freddo fa irrigidire la muscolatura causando forti dolori alla zona lombare, limitando la mobilità e in qualche occasione anche la mia vita professionale. Da copione, ho sempre tamponato questi eventi con antidolorifici e alchimie varie (fasce riscaldanti applicazione di creme, etc.). In uno di questi momenti difficili, in ufficio mi hanno parlato dello Studio Cecchi e ho pensato che avrei provato anche questa.

Al primo appuntamento ero ansiosa e curiosa, come notoriamente lo sono davanti a cose che conosco poco: il Dottor Cecchi mi ha visitata, esaminando le lastre della colonna vertebrale e poi mi ha spiegato in modo comprensibile “anche ai non addetti ai lavoro” i problemi identificati e cosa fare per risolverli.

Seduta dopo seduta, aggiustamento dopo aggiustamento ho visto cambiamenti inaspettati, migliore digestione e migliore attività intestinale con conseguente diradamento dei miei mal di testa ciclici: Ma la vera novità è che ho passato l’inverno senza affrontare neanche un episodio di forte dolore alla schiena, nonostante le mie lunghe trasferte in aereo, il mio stress alle stelle e la mia vita alquanto sedentaria! Quindi un anno senza antidolorifici e bende riscaldanti! E non solo… da qualche tempo frequento un corso di Zumba una volta a settimana, tutte le mattine cammino veloce sul mio tapis roulant almeno per 40 minuti e questo week end mi aspetta una lunga passeggiata in bicicletta.  Non ci salgo da tre anni!!

Ci tenevo a questa testimonianza, perché conosco molte persone che hanno i miei stessi problemi e che per false credenze, paura o che altro, rimangono ancorati alla medicina tradizionale, perdendosi una grande occasione di migliorare la propria condizione di salute generale, che ho personalmente riscontrato con la chiropratica.

E per finire: non fatevi impressionare dalla parola “aggiustamento”, nessuno vi salta sula schiena a piedi giunti, a riprova, il fatto che lo Studio Cecchi è frequentato anche da molti bambini per nulla spaventati di mettersi nelle mani del Dottor Cecchi, dotato di estrema pazienza sia con i bambini… e anche con adulti paurosi come me.

Patrizia Bernardi

Mi chiamo Ornello Gambacurta, ho settant’anni e sono andato dal chiropratico, Dr. Andrea Cecchi, per la prima volta quattordici anni fa per curiosità, pur essendo animato da profonda incredulità.

Sono in cura tutt’ora esclusivamente a livello di prevenzione per le patologie che prima mi affliggevano e cioè: mal di schiena, periartrite, lombalgie, ernia iatale, tachicardia, lacrimazione e disturbi all’intestino, evitando l’assunzione di qualsiasi tipo di medicinale.

Logico quindi, coinvolgere tutti i familiari e parenti, persino la suocera!!!

Tutti inizialmente scettici, ma poi costantemente partecipi.

Torino. 28/03/2013

 

   Soffro di mal di schiena da diversi anni e questo problema ha limitato moltissimo le mie attività, al punto che ho dovuto smettere di lavorare.

   Prima di rivolgermi al Dr. Cecchi, ho fatto molte terapie e assunto molti farmaci (antinfiammatori, antidolorifici, morfina) ma non ho risolto il problema se non causarmene degli altri, a motivo dei loro effetti collaterali.  Poi, dietro consiglio di alcuni amici, mi sono rivolta al Dr. Cecchi e fin dai primissimi aggiustamenti ho notato dei miglioramenti.

   Oggi riesco a percorrere a piedi lunghi tratti di strada che non riuscivo a fare prima, muovermi con energia e leggerezza da avere l’impressione di non sentire il peso del proprio corpo, ma anche un migliore funzionamento dell’intestino.

  La chiropratica ha significato per me migliorare la mia salute e, cosa ancora più importante, non ho avuto più bisogno di assumere neanche un solo farmaco e questo per me è importantissimo.

   Mi sono rivolta al chiropratico dopo aver sofferto molto, ma la cosa migliore che consiglio in base alla mia esperienza, è quella di farsi guardare quando non si hanno sintomi, per evitare poi grandi sofferenze.

 

                                                                                     Iuliano Genoveffa

Moncalieri, 11 maggio 2015

 

   Mi sono recata dal chiropratico su consiglio di mio figlio che già aveva beneficiato delle sue cure.

   Da circa due mesi soffrivo per un forte mal di schiena, avevo anche male alla gamba e al piede destro tant’è che camminavo zoppicando.

   Già dalle prime sedute il male si è attenuato fino a scomparire.

   Su proposta del chiropratico ho fatto una cura per un altro mio problema: dal 1998 avevo dei frequenti dolori addominali. Dal clisma opaco è risultato che avevo i diverticoli. La cura che facevo per evitare che degenerassero consisteva nell’assunzione di antibiotici una settimana ogni mese, il che, mi permetteva di tirare avanti alla meno peggio.

   Dopo la cura del chiropratico non ho più avuto mal di pancia e ho smesso gli antibiotici.  La mia vita è migliorata perché non solo non ho più dolori, ma posso uscire di casa tranquillamente senza l’assillo di trovare un bagno nel caso di coliche improvvise.

   Visto i risultati ottenuti, ho molta fiducia nella chiropratica e vorrei che fosse conosciuta da tutti quelli che hanno dei problemi. 

 

                                                                                             Molino Catterina