Il Dolore.


Il dolore è il segnale più chiaro e meglio riconosciuto dal nostro corpo, tuttavia è anche il più incompreso. Si potrebbe spiegare la fisiologia del dolore (cioè il suo funzionamento), elencare e descrivere i vari neurotrasmettitori, i tratti neurologici e le zone del cervello che interpretano questi segnali come dolore. Non crediamo pero' che questo risponderebbe alle domande di chi cerca risposte in questo sito. Inoltre questo non è il nostro obiettivo in questa sede. Il messaggio che intendiamo passare a chi sta cercando una risposta su questo sito è che il dolore è SEMPRE e SOLO un segnale che qualcosa non è più in equilibrio.
Spesso ci basiamo sul dolore per determinare se stiamo meglio o peggio. Questa abitudine è rischiosa, perchè il dolore non sempre rappresenta la nostra condizione di salute. Quando il dolore passa non sempre il problema è risolto e quando il dolore peggiora non sempre il problema è peggiorato.
Cerchiamo quindi di spiegare meglio questi concetti cominciando da un esempio facilmente comprensibile. Prendiamo il caso di una persona che in seguito ad un incidente perde l’uso delle gambe al punto da rimanere in sedia a rotelle. Nella maggioranza dei casi questa persona non ha nessun tipo di dolore nelle gambe. Infatti non ha nessun tipo di sensazione ed è proprio per questo motivo che non riesce a muovere le gambe. Il miglior segnale in assoluto che qualcosa sta migliorando nella condizione di questo paziente sarebbe la comparsa di qualsiasi tipo di sensazione compreso il dolore!

Il dolore è una comunicazione del nostro corpo. Solitamente viene considerato come un disturbo, in realtà è molto utile. Se capito e INTERPRETATO correttamente, ci permette di ricercare un equilibrio nella salute che al momento è stato perso.